• By Francesco Caminita
  • Cause in Palermo

Casa AIL Palermo

0%

Da sempre i volontari Ail si erano posti l’obiettivo di realizzare una casa-albergo per i moltissimi pazienti fuori sede e i loro familiari. Era quasi un sogno, dato che l’Ail si sostenta esclusivamente con i fondi raccolti durante le campagne, e ce ne volevano davvero molti per acquistare un appartamento nelle vicinanze dell’ospedale che fosse allo stesso tempo capiente e confortevole, in grado di ospitare e accogliere allo stesso tempo.

Sono davvero tanti gli emopatici fuori sede che si curano a Palermo, vengono da tutta la Sicilia ma anche dall’Africa e da altri paesi del Mediterraneo. Un bel giorno quel sogno si è realizzato, grazie alla generosità dei palermitani e alla perseveranza di quanti in quel traguardo avevano creduto. Nell’Ottobre del 2002 la sezione Ail di Palermo compra un grazioso appartamento a poca distanza dalla struttura ospedaliera e si occupa di arredarlo e corredarlo: “nasce” Casa Ail, “La Coccinella”, in onore al simbolo dell’Associazione.

I volontari Ail scelgono con cura le tende, i mobili, gli elettrodomestici, appendono i quadri, sistemano i punti luce, in modo da farla davvero sembrare una “casa”, con l’atmosfera di una casa. Sin dalla sua inaugurazione i 10 posti letto della Coccinella sono sempre occupati, da pazienti neotrapiantati o che si curano in Day Hospital, o dai familiari di malati ricoverati in Reparto. A Casa Ail ci sono tutti i confort per vivere al meglio il periodo non facile della terapia, propria o di un familiare.

C’è una spaziosa cucina-soggiorno con tutto l’occorrente per cucinare, un salottino dove poter chiacchierare comodamente con gli altri ospiti, le stanze da letto, caratterizzate ciascuna da un colore diverso, la lavanderia, dotata anche di asse da stiro e ferro, c’è persino un ampio terrazzo, dove potersi intrattenere in estate. Si respira una bella aria alla Coccinella, anche perché gli “inquilini”, vivendo insieme per periodi più o meno prolungati e condividendo lo stesso tipo di esperienza dolorosa, si supportano a vicenda, si dividono le faccende domestiche, cucinano gli uni per gli altri, vanno in ospedale insieme, diventano in qualche modo una “famiglia”.

Oltre a gestire, tra mille difficoltà logistiche, l’andirivieni degli ospiti, i volontari Ail seguono da vicino le vicende degli “abitanti” di Casa Ail. All’arrivo alla Coccinella, a ciascuna persona viene, infatti, assegnato un volontario, che gli offrirà informazioni, sostegno e assistenza durante tutta la sua permanenza in città. Insomma, a più di due anni dall’inaugurazione possiamo dire di aver realizzato un valido punto di riferimento per i malati onco-ematologici  che non sono di Palermo e per le loro famiglie.

FACE YOUR FEARS WITH THE FEARFACER CHALLENGE

SUPPORT OUR FUNDRAISERS